Albi – Fungo a Pellet

FUNGO A PELLET ALBI

ALBI

L’ultima nostra creazione, tutta Made In Italy, racchiude in sè le migliori caratteristiche dei nostri Funghi.

Dotato dell’imboccatura con il diametro più largo, consente di avere una fiamma più visibile e in grado di emanare maggior calore.

Domande Frequenti

Sfortunatamente, non esiste un meccanismo nei riscaldatori a pirolisi che consenta di estinguere direttamente il fuoco. Il fuoco può essere spento in deu modi, o semplicemente lasciando che i pellet finiscano di bruciare nella camera di combustione,o semplicemente con l’acqua, anche se quando si spegne con l’acqua, i pellet naturalmente si bagnano e non possono essere riaccesi ( quest’ ultima operazione è totalmente sconsigliata perchè genera fumo e ripulitura della camera di combustione ) In alternativa è possibile utilizzare una quantità inferiore di pellet, il che comporta un tempo di combustione più breve e un tempo piu lungo perché avvenga la pirolisi Quindi, se si sa in anticipo per quanto tempo il fuoco deve bruciare approssimativamente, si può regolare il carico di pellet, cioè riempire meno pellet. Quindi, se non si vogliono bruciare inutilmente i pellet, è senz’altro più ragionevole variare la quantità di riempimento

I nostri riscaldatori vengono consegnati in modo che siano praticamente pronti all’uso: non sono necessari complicati lavori di montaggio. Nel caso del fungo il corpo e la parte superiore sono imballati unitamente per per agevolare ulteriormente l assemblaggio.

I nostri riscaldatori creano un ambiente neutro di CO2, accogliente e con un buon calore. I riscaldatori emettono calore , che è particolarmente percepibile quando ci si posiziona proprio accanto. Le termografie rilevano potenza termica tradotta in circa 10-11 KW. In particolare, questo significa che il calore è percepibile fino a un metro e mezzo intorno alla stufa.

Accendere i riscaldatori si fa in un minuto , riempire il serbatoio centrale con circa 8 kg di pellet; battere il serbatoio verso terra in modo da accertarsi che il pellet sia ben compresso; posizionare qualche accendifuoco ecologico e accendere con un accendino. Mettere la piastra in acciaio inox ; il vetro e la griglia .Posizionare la ventola al massimo in modo da dare la corretta areazione al fine di perfezionare il processo pirolitico. La fiamma sarà visibile in modo stabile dopo circa 15/20 minuti. A questo punto i riscaldatori forniscono almeno 4 ore di fuoco continuo con fiamma e almeno altre 3 ore di fuoco nella camera di combustione senza alcun altro intervento.

È possibile installare i riscaldatori con uso esterno.
Si possono posizionare in spazi esterni coperti senza problemi mantenendo circa un metro di distanza verso l’alto, un metro di distanza ai lati
I riscaldatori non producono fumo, ma l’ossigeno viene comunque convertito e deve essere garantito un apporto di aria fresca.; quindi se posizionati sotto gazebi verande o soluzioni similari si raccomanda di tenere sempre un lato aperto in modo che ci sia riciclo dell aria..

Sì, è possibile mettendo una qualsiasi piastra protettiva

Il contenitore in acciaio inossidabile contiene fino a circa 8 kg di pellet: con questo, i riscaldatori modello Albi e Spritz rimangono in funzione per ben 4 ore con fiamma gialla. Non appena la fiamma visibile si spegne, ci sono ancora braci nella camera di combustione che scaldano per altre 3 ore. Prima di riempire di nuovo i pellet, la stufa deve raffreddarsi; questo è essenziale per un funzionamento senza fumo. Nessun carburante può essere aggiunto durante questo periodo..

Sì, i nostri riscaldatori sono realizzati in acciaio inossidabile. Di conseguenza, possono essere lasciati anche all’esterno tutto l’anno. Tuttavia, si dovrebbe evitare di utilizzare i riscaldatori in caso di maltempo e/o pioggia intensa. Se dovesse verificarsi un temporale inaspettato, è necessario adottare le necessarie misure di sicurezza, come posizionare i riscaldatori sotto un’area coperta e mantenere una distanza di sicurezza adeguata

Se il processo di pirolisi viene compiuto nella sua interezza , il serbatoio può essere svuotato ogni 2/3 utilizzi : La cenere residua è una manciata di polvere. Circa 25 grammi

Il serbatoio interno si pulisce con una spazzola o scopa di adeguate dimensioni ; la corretta pulizia permette di liberare i fori interni che garantiscono la corretta circolazione della aria.

Sì, possono essere utilizzati anche senza vetro e griglia; Non in condizioni di vento.

La struttura di base è realizzata in acciaio inossidabile di alta qualità, Il piano è fatto in acciaio inossidabile ; il vetro borosilicato resistente alle temperature.

Nella confezione sono inclusi guanti ignifughi e una spazzola per la pulizia.

Prodotto e assemblato interamente in stabilimenti siti in Veneto

Un segnalatore indicherà quando la batteria è scarica e richiede di essere caricata. Idealmente ogni 48 ore .

Un potenziometro permette di regolare la velocità della ventola.
Si consiglia di tenerla sempre verso il massimo

Se la ventola viene spenta si produce fumo

CONTATTACI